Carta d’Identità Elettronica (CIE): guida alla richiesta e funzionalità!

Lettura stimata: 3 minuti
ASCOLTA IL POST

Cos’è

La Carta d’Identità Elettronica (CIE) è un documento di identità rilasciato dal Ministero dell’Interno italiano. Questo tipo di carta d’identità è stata introdotta nel 2016 ed è dotata di un microchip che contiene i dati personali del titolare, come il nome, il cognome, la data di nascita e il luogo di nascita. Inoltre, contiene anche una fotografia del titolare e la sua firma. La CIE ha sostituito gradualmente la vecchia carta d’identità cartacea, che non era più adeguata alle esigenze della società digitale. Infatti, è possibile accedere anche a servizi online in modo semplice e sicuro, senza dover recarsi fisicamente presso gli uffici pubblici.

A cosa serve?

Come già scritto in precedenza, la CIE è un documento di identità valido a tutti gli effetti, ma con la particolarità di essere dotata di un microchip che ne permette l’utilizzo anche online. Grazie alla sua tecnologia avanzata, la CIE può essere utilizzata anche come strumento di firma elettronica tramite l’applicazione CieSign, che permette l’accesso ai servizi online delle Pubbliche Amministrazioni in Italia (INPS – Agenzia delle entrate – Comuni di residenza – eccetera) e nei Paesi dell’Unione Europea (vedi elenco).

Come funziona l’autenticazione CIE?

In base al servizio richiesto dal cittadino, l’autenticazione può avvenire attraverso 3 livelli di sicurezza crescente:

  • 1- primo livello: l’accesso avviene mediante una coppia di credenziali (username e password);
  • 2- secondo livello: invece, è richiesto l’impiego di un secondo fattore o meccanismo di autenticazione che certifichi il possesso di un dispositivo (come ad esempio un codice temporaneo OTP o la scansione di un QR code).
  • 3- terzo livello: è necessario utilizzare un lettore o uno smartphone dotato di tecnologia NFC per la lettura della CIE.

Ma non è tutto: la CIE può anche essere utilizzata come strumento di firma elettronica avanzata (FEA) tramite l’applicazione CieSign. In questo modo, i cittadini possono firmare agevolmente documenti elettronici, garantendo la massima sicurezza e legalità.

Richiesta

Innanzitutto, è importante sapere che è possibile richiedere la CIE presso il proprio comune di residenza o domicilio, basta digitare e cercare su Google le seguenti parole chiave: ”CIE -tua citta-” . Se invece sei un cittadino italiano residente all’estero, potrai richiederla presso il consolato di competenza.

Prenotazione

Se il vostro comune di residenza non offre il servizio ”prenotazioni” presso gli uffici, non perdetevi d’animo, potete collegarvi al sito ufficiale del ministero cliccando sul bottone qui in basso. Seguite la procedura, è abbastanza intuitivo!

Documentazione

In caso di primo rilascio, è necessario esibire all’operatore comunale un altro documento di identità in corso di validità. Se non si è in possesso di un documento valido, sarà necessario presentarsi al Comune accompagnati da due testimoni. Invece, in caso di rinnovo o deterioramento del vecchio documento, sarà sufficiente consegnare quest’ultimo all’operatore comunale. È importante ricordare di portare con sé il codice fiscale (presente anche sul retro della CIE) o il numero dell’appuntamento e il numero della ricevuta di pagamento della Carta, se già effettuato. Durante la procedura di richiesta della CIE, l’operatore comunale verificherà i dati anagrafici presenti nell’anagrafe nazionale e acquisirà le impronte digitali del richiedente. Inoltre, sarà possibile fornire indirizzi di contatto per essere avvisati circa la spedizione del proprio documento, fornire il consenso o il diniego alla donazione degli organi, e indicare la modalità di ritiro (consegna presso un indirizzo desiderato o ritiro in Comune), nonché comunicare un’eventuale persona delegata al ritiro.

Costi

Per ottenere la CIE è obbligatorio pagare una somma di € 16,79 circa, oltre ai diritti fissi e di segreteria, se previsti.

Validità

Il documento ha una validità di dieci anni per gli adulti e di cinque anni per i minori.

Scarica l’applicazione

Per poter accedere e utilizzare i servizi online delle Pubbliche Amministrazioni, dovete scaricare l’Applicazione ufficiale per Android o Apple store qui:

ATTENZIONE: Per l’autenticazione SPID CIE è necessario avere un lettore di smart card (NFC) compatibile con la CIE e un dispositivo informatico (computer, tablet o smartphone) con il software o applicazione di autenticazione SPID installato. Per trovare un lettore di smart card compatibile con la CIE, puoi cercare online o visitare negozi specializzati in prodotti informatici. Assicurati di cercare un lettore che supporti il protocollo di comunicazione ISO 7816, in quanto è il protocollo utilizzato per le smart card come la CIE.

Video Guida

Attenzione!

È importante ricordare che la carta d’identità è un documento personale e non deve essere utilizzata da terzi. In caso di smarrimento o furto, è necessario denunciare immediatamente l’accaduto alle autorità competenti (Polizia o Carabinieri).

🆘𝐂𝐎𝐍𝐃𝐈𝐕𝐈𝐃𝐈𝐋𝐎 𝐒𝐔⤵️
Comments are closed.
SOScittadino.it
error: Il contenuto è protetto!!