ASCOLTA IL POST

Breve premessa

Con i tempi che corrono, ottimizzare le spese e sfruttare le opportunità di risparmio offerte dallo Stato è diventato fondamentale. Il Bonus Mobili rappresenta una di queste occasioni: una detrazione fiscale pensata per chi decide di rinnovare la propria casa. Scopriamo insieme come funziona, chi può beneficiarne e come ottenerlo.

Cos’è

Il Bonus Mobili è una detrazione IRPEF per chi acquista mobili e grandi elettrodomestici, con l’obiettivo di arredare un immobile in fase di ristrutturazione. La detrazione si calcola su una spesa massima di 8.000 euro per il 2023 e di 5.000 euro per il 2024, incluse le spese di trasporto e montaggio. Per essere ancora più chiaro, vi farò un esempio: il signor Rossi (nome di fantasia) ha ristrutturato la cucina della sua casa spendendo 20.000 euro. Per arredare la nuova cucina ha acquistato mobili e grandi elettrodomestici per un totale di 8.000 euro, incluse le spese di consegna e montaggio. Avendo sostenuto questa spesa nel 2023, avrà diritto a una detrazione IRPEF del 50%, pari a 4.000 euro, che potrà recuperare in 10 rate annuali di pari importo (400 euro per anno) nella dichiarazione dei redditi. La detrazione si calcola applicando l’aliquota del 50% sulla spesa massima ammissibile di 8.000 euro. Se avesse speso di più, ad esempio 10.000 euro, la detrazione si sarebbe comunque calcolata su un massimo di 8.000 euro. In sintesi, grazie al Bonus Mobili il signor Rossi potrà risparmiare 4.000 euro sulle tasse da pagare nei prossimi 10 anni.

Requisiti

Questa agevolazione interessa chi ha effettuato interventi di ristrutturazione dal 1° gennaio dell’anno precedente all’acquisto dei mobili ed elettrodomestici, che devono essere nuovi e rispettare questi determinati requisiti energetici: classe energetica non inferiore ad A+++ (A++ per alcuni). Esempio:

  • • Classe energetica non inferiore ad A+++ per forni, lavatrici, lavasciuga, lavastoviglie e frigoriferi;
  • • Classe energetica non inferiore ad A++ per congelatori e congelatori verticali.

Vantaggi

Si può usufruire di una detrazione del 50% sulle spese sostenute, fino a un massimo di 8.000 euro per il 2023 e di 5.000 euro per il 2024, indipendentemente dall’importo speso per i lavori di ristrutturazione.

Info detrazione

La detrazione IRPEF del 50% si applica all’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici destinati all’immobile ristrutturato, secondo le specifiche energetiche stabilite dalla legge.

Richiesta

Per ottenere il bonus è necessario indicare le spese nella dichiarazione dei redditi, attraverso il modello 730 o il modello Redditi persone fisiche. I documenti da conservare sono: fatture, ricevute di bonifico o pagamenti con carta.

Tempistiche

L’intervento di recupero deve essere iniziato dal 1° gennaio dell’anno precedente all’acquisto dei beni e la detrazione spetta anche se i beni sono destinati ad arredare una pertinenza dell’immobile.

Interventi edilizi

Sono inclusi lavori come manutenzione straordinaria, restauro, ristrutturazione su singoli appartamenti o parti comuni, e ricostruzione post-eventi calamitosi.

Domande frequenti

È possibile pagare in contanti per usufruire del bonus?

No, il pagamento deve avvenire tramite bonifico o carte.

Il bonus è valido anche per l’acquisto di elettrodomestici usati?

No, il bonus si applica solo all’acquisto di nuovi elettrodomestici che rispettano specifiche classi energetiche.

Posso beneficiare del bonus se ho iniziato i lavori di ristrutturazione due anni fa?

I lavori devono essere iniziati a partire dal 1° gennaio dell’anno precedente a quello dell’acquisto dei beni per essere validi ai fini del bonus. ESEMPIO PRATICO: Il signor Rossi ha acquistato degli elettrodomestici a classe energetica superiore nel mese di giugno 2022. Per poter usufruire del bonus mobili, deve dimostrare che i lavori di ristrutturazione nella sua abitazione sono iniziati a partire dal 1° gennaio 2021. Nel caso specifico del signor Rossi, avendo acquistato gli elettrodomestici nel 2022, deve dimostrare che i lavori di ristrutturazione sono iniziati nel 2021 per poter usufruire della detrazione fiscale del 50% prevista dal bonus mobili.

Psso rinnovare gli arredi in un appartamento danneggiato da un terremoto?

Si, il bonus è applicabile a patto che sia dichiarato lo stato di emergenza.

Posso acquistare una cucina nuova dopo la ristrutturazione del soggiorno?

Certo! Si ha diritto al bonus se la cucina rispetta i requisiti energetici.

Altre domande frequenti?

Aprendo questo link, potete trovare la lista dettagliata delle domande frequenti pubblicato dall’agenzia delle entrate. (APRI LINK)

Serve aiuto?

Per Taranto & Provincia, chiedete in chat per una consulenza gratuita! Vi indirizzerò presso un nostro professionista competente della community.

Print Friendly, PDF & Email